Archivio per marzo, 2013

IL MONTE SANT’ELENA 46°N: IL VULCANO DELLA PAURA  

800px-MSH82_st_helens_spirit_lake_reflection_05-19-82

Il Monte Sant’Elena (Mount St. Helens) è un vulcano che si trova nello stato di Washington, negli Stati Uniti, sulla costa pacifica. Fino a pochi anni fa si sapeva poco o nulla della sua attività eruttiva, in quanto i dati geologici più precisi risalgono ad appena 20.000 anni. A partire da circa 20.000 anni fa, il Sant’Elena è stato caratterizzato da pochi fenomeni eruttivi intervallati da periodi di riposo variabili da 5.000 anni fino a un minimo di 200. Ed è proprio a distanza di circa 180 anni dall’ultima eruzione che il vulcano ricomincia a dare segni di risveglio. Dal punto di vista strettamente geologico, il Sant’Elena è un vulcano caratterizzato da attività esplosiva come il Vesuvio con i tipici prodotti che caratterizzano tali eruzioni: tefrite, depositi dovuti a esplosioni direzionali, flussi piroclastici.

800px-Sthelens1

20 marzo – 18 maggio 1980: il disastro

20 marzo 1980: alle 15:37 i sismografi della rete sismica dell’Università di Seattle registrano un terremoto di magnitudo 4,1. La stazione che per prima registra il sisma è quella ubicata sul Sant’Elena, e il Geological  Survey della California decide di installare altri quattro sismografi.

21 marzo: vengono installati i quattro sismografi che registrano nuovi terremoti di magnitudo 4,0 o superiore.

25 marzo: viene osservata una fessura nella neve sulla cima del vulcano e viene interdetto l’accesso a chiunque nel raggio di 5 chilometri dalla cima della montagna.

27 marzo: al mattino viene osservato un buco nel ghiaccio sulla cima del vulcano, e alle ore 12:30 avviene la prima emissione di cenere e vapore, nei giorni successivi avvengono numerose piccole esplosioni che accrescono il cratere alla sommità.

1º aprile: l’allargamento del cratere ha provocato l’abbassamento e il rigonfiamento del fianco nord del vulcano, che in certi punti supera gli 80 metri. Alle 19:25 dello stesso giorno i sismografi registrano la prima comparsa di tremore armonico. L’attività sismica registra diminuzioni nel numero dei terremoti, ma l’aumento delle relative intensità.

23 aprile: vengono posti dei sensori sul fianco nord per consentire la misurazione delle deformazioni con geodimetri laser. La zona interdetta viene portata da 5 a 13 chilometri. Alla fine di aprile i sismologi ritengono di essere in grado di prevenire con ragionevole anticipo l’eventuale eruzione del vulcano, basandosi sulla convinzione che un’eruzione o una frana saranno precedute dall’aumento repentino della sismicità e delle deformazioni.

18 maggio: alle 8:32 senza alcun ulteriore avvertimento un terremoto di magnitudo 5,2 scuote il vulcano. Il fianco nord si stacca e frana a valle e contemporaneamente un’esplosione provoca una nube di cenere incandescente che si sposta a una velocità di oltre 100 chilometri all’ora distruggendo tutto ciò che trova sul suo percorso. Una nuvola densa e nera si solleva nella stratosfera con esplosioni e fulmini e oscura tutto nel raggio di 200 chilometri dal vulcano. L’attività sismica continua fino alle 8:44 per poi interrompersi fino alle 12:00. L’eruzione continua fino alle 18:30 circa.

Alla fine dell’eruzione il vulcano appare completamente distrutto: circa 2,5 chilometri cubi del suo fianco nord sono scomparsi con la frana e la cima si è abbassata di 350 metri; un ampio cratere a forma di ferro di cavallo si apre verso nord e risultano eruttati circa 0,2 chilometri cubi di magma che hanno distrutto 27 chilometri quadrati di foresta secolare. Nella prima eruzione del 18 maggio, perdono la vita 57 persone. Nei giorni seguenti le polveri emesse dal vulcano vengono trasportate a grande distanza e si depositano formando coltri spesse, danneggiando le coltivazioni anche a 2500 chilometri di distanza, e per settimane vengono osservate dai satelliti negli strati alti dell’atmosfera.

411px-MSH80_st_helens_eruption_plume_07-22-80

Episodi successivi

1)Nella notte fra il 24 e il 25 maggio avviene una nuova eruzione esplosiva con emissione di grandi quantità di ceneri e pomici per circa sette ore, accompagnata da uno sciame di terremoti profondi.

2)Il 12 giugno alle 19:05, preceduta da varie ore di aumento del tremore armonico avviene una nuova eruzione esplosiva della durata di dieci ore.

3)Il 22 luglio una nuova eruzione modifica la tipologia degli eventi: da tale data le eruzioni non avvengono più ininterrottamente per ore, ma a piccoli impulsi intervallati da molte ore di distanza, segno che l’alimentazione di magma sta diminuendo.

4)Altre due eruzioni esplosive avvengono il 7 agosto e il 16 ottobre. Dopo l’ultima si forma stabilmente all’interno del cratere un duomo di lava che viene alimentato episodicamente negli anni successivi.

Annunci

0311200914045997891AYERS ROCK – Nel Cuore dell’Australia

Uluru (chiamato in inglese Ayers Rock) è il più imponente massiccio roccioso dell’outback australiano. Circondato dalla superficie completamente piana del bush, Uluru è visibile da decine di chilometri di distanza ed è celebre per la sua intensa colorazione rossa, che muta in maniera spettacolare (dall’ocra, all’oro, al bronzo, al viola) in funzione dell’ora del giorno e della stagione; caratteristiche che ne fanno una delle icone dell’Australia. La superficie, che da lontano appare quasi completamente liscia, rivela avvicinandosi molte sorgenti, pozze, caverne, peculiari fenomeni erosivi e antichi dipinti. L’Uluru si trova in Australia (Oceania) nel Territorio del Nord, nel Parco nazionale Uluru-Kata Tjuta, 450 km a sudovest della città di Alice Springs. Si tratta di un luogo sacro per gli aborigeni, formalmente riconsegnato dal governo australiano agli indigeni del luogo nel 1985. Uluru è il nome aborigeno originale del luogo. Si pensa derivi dalla parola ulerenye, una parola Arrernte che significa “strano”. È anche un cognome comune nella zona.

sdsdIl primo non indigeno ad avvistare la formazione fu l’esploratore Ernest Giles, nell’ottobre del 1872. Vide il massiccio da molto lontano, e non poté avvicinarsi oltre a causa del lago Amadeus. Giles descrisse l’Uluṟu come “una pietra notevole” (espressione che non fu adottata come nome, a differenza di quanto accadde alle remarkable rocks di Kangaroo Island). Il 19 luglio dell’anno successivo, William Gosse battezzò la roccia Ayers Rock in onore dell’allora Premier del Sud Australia Sir Henry Ayers. Nel 1993 fu istituita formalmente una doppia denominazione secondo la quale sia il nome aborigeno che quello inglese erano considerati nomi ufficiali. Il 15 dicembre 1993, Uluru fu ribattezzato Ayers Rock/Uluru e divenne la prima località con doppio nome nel Territorio del nord. Il 6 novembre del 2002, il nome duale fu ufficialmente rovesciato, diventando Uluru/Ayers Rock per richiesta dell’Associazione Regionale del Turismo di Alice Springs. Attualmente, il nome originale aborigeno è quello più utilizzato per indicare la roccia, mentre “Ayers Rock” è utilizzato solo per indicare il relativo aeroporto, il paese/resort (non è un vero e proprio paese) principale più vicino si chiama Yulara.

Descrizione

jghjjjUluru è definito un monolito, ma più precisamente è una parte di una formazione rocciosa monolitica molto più grande e in gran parte sotterranea che comprende anche i Kata Tjuta e il Monte Connor. L’Uluru si staglia per circa 320 m. rispetto al territorio circostante; ha un’altitudine di 864 m s.l.m.; ha un diametro di circa 8 km, ed è caratterizzato da una superficie molto dura e pareti estremamente lisce a strapiombo. Caratteristica notevole del massiccio è il modo in cui esso sembra cambiare colore nelle diverse ore del giorno e nei diversi mesi dell’anno; alba e tramonto, in particolare, producono veloci variazioni di colore estremamente spettacolari (probabilmente la più grande attrazione turistica australiana). Questi effetti di colore sono dovuti a minerali come i feldspati che riflettono particolarmente la luce rossa. Il massiccio è costituito in larga parte di ferro e il suo colore rosso è dovuto all’ossidazione. Vicino all’estremità ovest di Uluṟu si trova la comunità aborigena di Mutitjulu (pop. ca. 300). La popolazione locale si chiama Pitjantjatjara o Anangu (che significa “gente” in lingua Pitjantjatjara). A 17 km di distanza, appena fuori dal National Park, si trova invece il paese turistico di Yulara (pop. 3000). A 25 km da Uluṟu si trovano i monti Kata Tjuta, letteralmente “molte teste”, che fanno parte della stessa formazione rocciosa e hanno un simile colore rosso. I Pitjantjatjara e gli Yankunytjatjara chiamano i turisti che vanno a visitare Uluru e i Kata Tjuta minga tjuta, che significa “formiche“, così da descrivere l’immagine che danno dalla cima di queste formazioni.

Uluru nella mitologia aborigena

imagesCA27LCKGUluru ha un ruolo particolare nella mitologia del dreamtime (“era del sogno”, o tjukurpa) delle popolazioni del luogo. In generale, il tjukurpa è un insieme di “miti di formazione”, volti a spiegare le caratteristiche geografiche del territorio (pozze, montagne, caverne e così via) come “tracce” dei viaggi e delle azioni di esseri ancestrali (vissuti, appunto, nell'”epoca del sogno” che precede la memoria umana). Inoltre, gli aborigeni ritengono che questi elementi geografici mantengano per sempre l’essenza vitale e creativa degli esseri che l’hanno generata. Queste creature ancestrali sono generalmente descritti come giganti in parte umani e in parte simili ad animali o piante. Il sito di Uluru porta i segni dell’attività di numerose creature ancestrali. La maggior parte dei miti sull’Uluru, sulle sue caverne, le sue pozze, le sue sorgenti, o le caratteristiche del paesaggio circostante sono segrete, e non vengono rivelate ai piranypa (i non-aborigeni); solo gli elementi generali della storia della formazione dell’ ‘Uluṟu sono noti. Secondo il mito, Tatji, la Lucertola Rossa, che abitava nelle pianure, giunse a Uluru. Lanciò il suo kali (boomerang), che si piantò nella roccia. Tatji scavò la terra alla ricerca del suo kali, lasciando numerosi buchi rotondi sulla superficie della roccia. Questa parte della storia è volta a spiegare alcuni insoliti fenomeni di corrosione sulla superficie di Uluru. Non essendo riuscito a trovare il suo kali, Tatji morì in una caverna; i grossi macigni che vi si trovano oggi sono i resti del suo corpo.

Un altro mito riguarda due fratelli bellbird (un uccello australiano della famiglia dei passeri) che cacciavano un emù. L’emù fuggì verso Uluru e due uomini lucertola dalla lingua blu, Mita e Lungkata, lo uccisero e lo macellarono. (Alcuni grossi macigni nei pressi di Uluru sono interpretati come pezzi della carne dell’emù). Quando i fratelli bellbird giunsero sul posto, gli uomini lucertola diedero loro un misero pezzetto di carne, sostenendo che non c’era altro. Per vendetta, i fratelli bellbird diedero fuoco al riparo degli uomini lucertola. Questi cercarono di fuggire scalando le pareti della roccia, ma caddero e arsero vivi. Questa storia spiega i licheni grigi sulla superficie della roccia nella zona dove si sarebbe tenuto il pasto (che sono considerati traccia del fumo dell’incendio) e due macigni semi-sepolti (i resti dei due uomini lucertola). Queste e altre storie del dreamtime sono rappresentate da numerosi dipinti rupestri lungo la superficie dell’Uluru. Secondo la tradizione aborigena, questi dipinti vengono frequentemente rinnovati; fra gli innumerevoli strati di pittura, i più antichi risalgono a migliaia di anni fa. Diversi luoghi lungo il perimetro dell’Uluru hanno valenza religiosa particolarmente forte e i turisti che li visitano sono soggetti a diversi livelli di proibizione (per esempio di non avvicinarsi a determinati luoghi o non scattare fotografie).

Scalare Uluru

fdfdfffdsGli aborigeni hanno richiesto più volte che i turisti non scalino il massiccio, sia perché si tratta di un luogo sacro nella mitologia aborigena del dreamtime, sia per motivi di sicurezza. Nel 1983, il Primo Ministro australiano Bob Hawke promise che avrebbe vietato la scalata. Tuttavia, quando il governo australiano restituì la proprietà di Uluṟu agli Anangu (il 26 ottobre 1985), furono poste le due condizioni che per 99 anni Uluṟu fosse gestito congiuntamente con l’associazione nazionale “National Parks and Wildlife” e che durante questo periodo fosse concesso ai turisti di scalare la roccia. La scalata di Uluru è infatti un’attrazione turistica molto importante, e soprattutto molto apprezzata dai giapponesi, che costituiscono una percentuale significativa della popolazione di turisti in Australia. Sebbene nel 1964 sia stato posizionato sulla roccia un corrimano (esteso nel 1976), l’ascesa è ancora piuttosto pericolosa a causa delle superfici ripide e lisce, della fatica della scalata (che dura circa un’ora) e, almeno in alcune ore e stagioni, del rischio di insolazioni; l’attacco di cuore è fra le principali cause di morte.