MURMANSK: Una metropoli nel Circolo Polare Artico

Pubblicato: 13 dicembre 2010 in Località Estreme
Murmansk 68° N – Una metropoli nel Circolo Polare Artico

Murmansk è una città nell’estrema parte nord-occidentale della Russia, porto di mare sul Golfo di Kola, a 32 km dal Mare di Barents, sulla costa settentrionale della Penisola di Kola, non lontano dal confine russo con la Norvegia e la Finlandia; è capoluogo dell’Oblast’ omonima. La città è un importante base navale; il porto rimane libero dai ghiacci per tutto l’anno, grazie alla Corrente del Golfo. Murmansk è la più grande città del mondo posta all’interno del Circolo polare Artico

Murmansk si trova nell’estremo nord della Russia occidentale vicino al confine finlandese e 200 chilometri oltre il Circolo Polare Artico. Coordinate: N 68°58′– E 033°03’0″.  Significa che nessun’ altra grande città al mondo sorge più a nord. Murmansk è raggiungibile con diversi voli di linea, ad esempio partendo da Monaco di Baviera e cambiando a San Pietroburgo. Murmansk è una città giovanissima, costruita nel 1917 per motivi militari, strategici ed economici. Fino a pochi anni fa contava 500 mila abitanti, scesi ultimamente a 360 mila. Il suo (gigantesco) porto, lambito dalla corrente calda del Golfo, è sempre libero dai ghiacci e agibile tutto l’anno; garantisce quindi i collegamenti e trasporti verso est (Siberia) e verso ovest (Europa, fino agli Stati Uniti). È base dei famosi rompighiaccio atomici e dei (temuti) sommergibili ad energia nucleare il cui ruolo è stato fondamentale fino agli ultimi anni ’80 e soprattutto durante il periodo della “guerra fredda”, ma è andato calando con l’avvio della perestroika. È evidente che la città è stata costruita senza problemi di spazio. I suoi parchi ricoperti di neve permettono di praticare comodamente lo sci: una pista di fondo proprio davanti al portone di casa! Il sottosuolo è ricco di grandi riserve di minerali non ferrosi, rame, nikel, metalli nobili, alluminio, fluorite, titanio. Rappresentano una grande ricchezza per la Russia e per tutto il mondo. Poco a nord, nel mare di Barents, sono stati localizzati importanti giacimenti petroliferi. La grande centrale atomica di Kola fornisce energia elettrica a buon prezzo anche in Finlandia e Norvegia. A Murmansk si fermano tutte le principali vie di comunicazione, ferrovia compresa. L’aeroporto pertanto è strategico. Vi atterrano generalmente i trimotori Antonov 154.

La città, inizialmente nota come Romanov-sul-Murman venne fondata nel 1915, quando venne costruita la linea ferroviaria verso Kola, e prese il nome dalla dinastia reale russa dei Romanov. La città venne ribattezzata Murmansk dopo la Rivoluzione d’Ottobre del 1917. Dal 1918 al 1920, la città venne occupata militarmente dalle potenze occidentali alleate della prima guerra mondiale e dai “Bianchi” durante la guerra civile in Russia. Durante la seconda guerra mondiale, Murmansk fu per l’Unione Sovietica un collegamento vitale con il mondo occidentale, e un vasto commercio con gli Alleati, in particolare gli USA, di beni importanti per i rispettivi sforzi bellici passarono dal suo porto. Si trattava principalmente di prodotti finiti che arrivavano in Unione Sovietica e di materie prime che ne uscivano. Le forze tedesche lanciarono un’offensiva contro la città nel 1941, ma di fronte alla tenace resistenza sovietica, non riuscirono né a prendere la città né a isolare la vitale ferrovia careliana. Questa resistenza venne infine (1985) riconosciuta dalle autorità dell’Unione Sovietica, con la designazione formale di Murmansk come città eroina. Durante la Guerra Fredda Murmansk fu il centro dell’attività sottomarina sovietica, e anche dopo il dissolvimento dell’URSS, rimane il quartier generale della Flotta Russa del Nord e della flotta di rompighiaccio nucleari.

L’importante porto di Murmansk è libero dai ghiacci anche in inverno è fa registrare medie sotto i -10° nei mesi più freddi, salendo a -1,6° in aprile e 12,6° in luglio, per tornare a 0,9° in ottobre. Media annua di 0,0°, 6 i mesi con temperature negative. Le precipitazioni, praticamente sempre nevose da novembre ad aprile, ma con frequenti episodi di neve anche in maggio e ottobre (non è raro vedere la Dama Bianca anche a inizio giugno e dopo la metà di settembre), ammontano a 491 mm/anno, con minimo in tardo inverno (marzo 19 mm, aprile 20, febbraio 22) e massimo in estate (agosto 79 mm, luglio 61). Per quanto riguarda l’estate Murmansk raramente raggiunge i 30°C, che vengono superati, in occasione di avvezioni calde, con relativa frequenza e anche di slancio nelle varie Onega, Kotlas e Perm.

A) Temperatura media annua: 0,2 °C

B) Temperatura media del mese più freddo (gennaio): -10,3 °C

C) Temperatura media del mese più caldo (luglio): 12,7 °C

D) Massima temperatura registrata: 32.9 °C

E) Minima temperatura registrata: -39.4 °C

F) Precipitazioni medie annue: 413 mm

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...